28.11.13 - ll GIORNO, di Maurizio del Tenno
MORBEGNO: «LAVORI AL VIA PRIMA DELL'ESTATE»
AGGIUDICATO in via definitiva l'appalto della variante di Morbegno della nuova 38, 1 ° lotto II stralcio.

Ieri Anas ha comunicato che si è conclusa la gara per la realizzazione della tangenziale sul tratto che va dallo svincolo di Cosio allo svincolo del Tartano, specificando che ad aggiudicarsi la gara per l'affidamento della progettazione e l'esecuzione dei lavori è risultato essere il raggruppamento temporaneo di imprese Tecnis Spa-Cogip Infrastrutture Spa-Sintec Spa. La capofila, la Tecnis, cofondata da Mimmo Costanzo ha sede in provincia di Catania, le altre due sono partecipate.
L'opera prevede la realizzazione di una strada composta da due corsie, una per ogni senso di marcia, della larghezza di 3,75 metri e da due banchine di 1,50 metri. Il tracciato, avrà inizio in prossimità dello svincolo di Cosio Valtellino e si svilupperà alla sinistra orografica dell'Adda. Superata la confluenza tra i fiumi Adda e Sino proseguirà in sotterraneo dapprima con la galleria "Selva Piana" e successivamente con il viadotto Tovate e un tratto in rilevato per poi rientrare in tunnel con la galleria Paniga.


Superatala si procederà su viadotto sul fiume Adda e su un successivo tratto di rilevato in corrispondenza dello svincolo finale del Tartano. Il progetto definitivo della nuova opera è stato redatto da Anas sulla base dello studio preliminare della Provincia di Sondrio ed è finanziato dal Cipe con oltre 50 milioni di euro e dagli Enti territoriali coinvolti con 230 milioni di euro, per un investimento complessivo di oltre 280 milioni di euro.
La notizia è stata accolta con entusiasmo a Palazzo Muzio. Il presidente Massimo Sertori ha subito rilanciato: «E adesso ha affermato pensiamo a fare la tangenziale di Tirano. Mi sembra che l'iter che era stato fissato in estate, quando abbiamo inaugurato il primo tratto di nuova 38, stia venendo rispettato. Sono state fatte da Anas tutte le verifiche e ora si va all'aggiudicazione definitiva. Per un'opera che ha la sua copertura finanziaria, e i cui ribassi d'asta consentono di avviare anche l'impegno su Tirano. Mi preme sottolineare ha aggiunto come la strada stia avanzando come frutto di un impegno di tutte le realtà territoriali e con il coordinamento dell'ente Provincia.

Che gioca su questa partita una parte fondamentale, e che attraverso il lavoro legittima e sottolinea l'importanza del proprio ruolo istituzionale. Aggiungo anche la soddisfazione personale. Ora ci dobbiamo assolutamente concentrare sul nodo di Tirano». «RIVOLGO ad Anas un sentito ringraziamento ha detto l'assessore regionale alle Infrastrutture Maurizio Del Tenno per il lavoro svolto in tempi brevi e senza intoppi.
Ciò permetterà di aprire i cantieri prima dell'estate 2014 e di chiuderli in circa 3 anni e mezzo». «Si tratta di un'infrastruttura attesa e richiesta dal territorio valtellinese, una infrastruttura a forte sviluppo turistico ha dichiarato Pietro Ciucci, presidente di Anas e quindi accolgo la notizia con soddisfazione: è un nuovo avanzamento che viene compiuto verso l'avvio vero e proprio dei lavori».