05.06.10
Cogip: Grandi Strade che uniscono l'Italia

Dal Veneto alla Sicilia la holding siciliana contribuisce allo sviluppo delle infrastrutture viarie della penisola

Le sue competenze abbracciano diversi settori: dai lavori aeroportuali, marittimi e idraulici, a opere strutturali speciali, di consolidamento, di difesa del territorio, e di edilizia civile e industriale. Ma è nell’ambito delle costruzioni stradali che questa holding si distingue sul mercato: portano il marchio Cogip infatti numerose opere, dislocate in tutta Italia, destinate a migliorare la viabilità di snodi strategici della penisola, a partire da due importanti cantieri in Sicilia: il primo interessa l’autostrada A18 Messina-Catania e prevede i lavori di pavimentazione del primo stralcio, compreso nel lotto di completamento del piano pluriennale degli interventi; il secondo riguarda l’adeguamento strutturale della S.S. 417 Catania-Gela, un’arteria stradale di vitale importanza per il traffico dell’Isola sud-orientale.

Tra le altre regioni che hanno visto Cogip all’opera, il Veneto vanta la realizzazione della “Superstrada de Vivai” – il tratto della S.S. 516, in provincia di Padova, compreso tra Liettoli e Piove di Sacco – in cui è stata utilizzata al pieno della sua potenzialità l’innovativa tecnologia delle pavimentazioni a base di bitume schiumato e recupero delle piattaforme esistenti, nel pieno rispetto della normativa ambientale. Di prossima inaugurazione, invece, il Ponte strallato sul fiume Adda – affidato a Tecnis-Cogip-PSP – che ripristinerà a breve il collegamento tra Crema e Piacenza sulla S.S. 591 “Cremasca”: atteso da quando la vecchia struttura collassò, nel novembre 1994, il nuova ponte è formato da 3 campate, per una lunghezza complessiva di 400 metri.

Le grandi opere di Cogip contribuiscono dunque a un salto di qualità sul versante delle infrastrutture viarie italiane. La professionalità della holding è stata premiata dall’ottenimento della certificazione “Bvqi” per il sistema di gestione, valutato conforme dalle prescrizioni del documento Sincert, decretando Cogip come una valida realtà in grado di coprire efficacemente l’intero ciclo produttivo per rispondere alle richieste del committente.